La via infallibile alla gioia: amore, sessualità e dottrina. Perché ho scritto questo libro

karol wojtyla giovani sessualità umana

Salve a tutti! Oggi, spiegherò le ragioni che mi hanno mosso a scrivere il libro: “La via infallibile alla gioia: amore, sessualità e dottrina”, ed. Cantagalli, 2021, (https://www.amazon.it/infallibile-gioia-Amore-sessualit%C3%A0-dottrina/dp/8868797526).

Questo libro nasce, innanzitutto, da un’esperienza personale. Verso i diciotto, vent’anni mi recai in una libreria e venni attratto da un libro. Sullo scaffale notavo solo la costa del libro, ma leggevo il titolo e l’autore: Amore e responsabilità di Karol Wojtyla. Lo comprai. Arrivato a casa, iniziai a leggere, ma senza capire: era troppo difficile per me. Lo misi sulla libreria e lì rimase qualche anno a prendere polvere.

Nel frattempo, la mia vita cambiava. Mi ritrovai a studiare materie filosofiche e teologiche. Erano già quattro anni che frequentavo i corsi all’università, quando durante la prima settimana di Pasqua, ripresi tra le mani il libro, lo spolverai e lo aprii. Fu per me una scoperta, una luce.

Avevo ricevuto catechesi sul matrimonio e sulla sessualità, eppure il modo in cui queste tematiche venivano affrontate da Karol Wojtyla era per me un enorme aiuto. Vivevo l’esperienza di chi riceve un insegnamento che illumina la mente e nutre l’anima, prendendosi cura del corpo e delle relazioni. Inoltre, l’esperienza era tanto più particolare in quanto l’insegnante non solo mi guidava, ma mi accompagnava nel percorso, stimolandomi continuamente. Ogni frase, ogni paragrafo aprivano per me un mondo e mi spingevano alla riflessione. Ho capito con Wojtyla cosa sia l’ars maieutica (http://davidesilvestrini.it/2021/03/30/amore-e-responsabilita/). 

karol wojtyla amore e responsabilità pdf

Dopo aver riflettuto e trattenuto a mente il libro pensai: se questo insegnamento ha aiutato tanto me, perché non offrirlo ad altri? E con il tempo, qualche anno, ho semplificato, schematizzato, riassunto per cercare di rendere più accessibile il contenuto di Amore e responsabilità, sperando di poter offrire un aiuto a qualcuno.

Inoltre, sarebbe mio desiderio che, in un secondo momento, si avesse il piacere di approcciare al testo originale. È davvero una miniera inesauribile. Dovrebbe essere un classico del pensiero cristiano, a mio avviso. 

La via infallibile alla gioia. Amore, sessualità e dottrina davide silvestrini

Un altro motivo che mi ha spinto alla scrittura e alla riflessione è stato l’invito indiretto che Papa Francesco rivolge in Amoris laetitia al n. 284 e seguenti. Il Papa chiede di prendere sul serio l’educazione sessuale, ma anche l’educazione al pudore, alla tenerezza, all’amore.

Personalmente, ritengo che il contributo di Karol Wojtyla, San Giovanni Paolo II, sia centrale e insuperato. Amore e responsabilità nasce dal pensiero di un sacerdote, a contatto con giovani universitari e con coppie, in una nazione caratterizzata da una storia difficile.

La Polonia è una nazione molto cattolica, che ha sofferto l’occupazione nazista e successivamente l’occupazione comunista. Amore e responsabilità nasce in un luogo e in un tempo in cui la fede cattolica è minacciata di morte e perseguitata da due ideologie del male. Tuttavia, nel crogiuolo del dolore la fede e l’anima del popolo polacco sono purificate. La riflessione sull’amore responsabile è una delle perle che nasce in una tale situazione.

Bisogna considerare due cose per spiegare il perché del libro che ho scritto. 

La prima: il cuore dell’uomo è sempre lo stesso. Possono cambiare i luoghi e le circostanze, possono cambiare le coordinate storiche e culturali, ma la natura della persona rimane sempre la stessa. La persona è un essere creato a immagine e somiglianza di Dio, che ha determinate caratteristiche, universalmente presenti. L’insegnamento di Amore e responsabilità parte dalla natura umana, dell’essere persona e, pertanto, offre un apporto sempre valido

La seconda: anche oggi la fede è minacciata di morte da una nuova ideologia, l’ideologia dei generi. 

Avendo presente il fatto che Amore e responsabilità focalizza sulla natura umana, con un approccio razionale e di fede, di fronte a serissime minacce ideologiche e considerando che l’attuale situazione del credente e della Chiesa è in parte analoga ad allora, io ritengo che Amore e responsabilità sia un tassello fondamentale per lo studio e l’approfondimento dello sviluppo psico-affettivo, sessuale, morale e spirituale della persona. Ritengo che sia un libro fondamentale anche per la formazione dei formatori.

Secondo me, dovrebbe essere considerato un ever green, un classico del pensiero e della fede. Dovrebbe essere considerato tale soprattutto dai cristiani. Ancor di più nei tempi in cui ci troviamo e ci troveremo a vivere. Pensiamo oltre che alla nostra necessaria formazione, alla crescita, all’educazione delle nuove generazioni, dei nostri figli. Ecco perché è necessario offrire valori, insegnandoli e testimoniandoli con la propria vita.

Qualcuno potrà pensare che sia difficile. Sì, comporta fatica, il fatto di esporsi, il mettersi seriamente in gioco in prima persona. Tuttavia, è bene ricordare che le cose preziose meritano scelte coraggiose, scelte che comportano anche sacrifici, fatiche.

Dobbiamo, però, tornare a capire che è questa la strada per diventare uomini e donne autentici e di spessore. Ed è la strada che offre vere esperienze di gioia, di soddisfazione, nonostante i combattimenti, anche nei combattimenti.

Se quello che proponiamo è una cosa da due soldi, allora non vale la pena investire e spendersi. Eppure, se quanto proponiamo ha il respiro del compimento, promette, certo, lotte, ma anche gioia, realizzazione, una vita davvero vissuta, amata, sofferta, donata, accolta. Se c’è il respiro del compimento, allora vale davvero la pena, allora si risveglia qualcosa nello spirito, perché la proposta tocca il tasto giusto, quello della felicità. Non una semplice soddisfazione, piuttosto promette la felicità insieme ad un altro.

Questo è il punto: noi siamo fatti per la comunione e non siamo felici finchè non la viviamo. Da questo bisogna partire prima di affrontare le battaglie spirituali, morali e la lotta contro le ideologie (e non contro le persone, come spiega bene S. Paolo, cfr. Ef 6,12).

Ecco il motivo per cui nella seconda parte del libro mi concentro sui pericoli che minacciano la fede, l’amore, ma anche la speranza. Tutto ciò che attacca la dignità della persona, del matrimonio e della famiglia minaccia la vita umana. Mi sembrava importante offrire qualche riflessione sulle molte minacce, sui molti nemici dell’autentica felicità umana.

Il percorso non è scontato come sembra: alla fine, bisogna riconoscere che è in atto un combattimento epocale e drammatico fra la gnosi e il cristianesimo, fra la civiltà della vita e dell’amore e la “civiltà” della morte, della solitudine e della disperazione.

Ritengo sia urgente una nuova evangelizzazione, da cui nasca una nuova spinta educativa, una rinnovata adesione alla vita. Gesù Cristo, vivo nella sua Chiesa, è sempre la risposta vivente ad ogni inquietudine, ad ogni ricerca dell’uomo e della donna.

Inoltre, l’inaugurazione di un anno dedicato alla famiglia desidera risvegliare i cuori di fedeli e non verso una più profonda comprensione del disegno divino sulla persona, sul matrimonio e sulla famiglia. Il mio personale contributo si inserisce proprio in tale dinamica.

Comincia a leggere...Ecco le prime pagine del mio libro

Iscriviti alla mailinglist, riceverai il link per leggere un estratto del libro.